chiesa.jpgCerimonia religiosa

La chiesa:
sarà decorata secondo i gusti e le possibilità finanziarie. Per quelli che hanno meno soldi a disposizione si consiglia un matrimonio estivo: i fiori costano meno. Se la chiesa è molto grande, meglio decorare solo la parte destinata alla cerimonia: è meno dispersivo ed anche più economico.

Entrata:
Oggi è accettato che lo sposo, con i testimoni e i parenti, preceda da circa un quarto d’ora l’arrivo della sposa in chiesa, e l’attenda davanti l’altare. Se la sposa ritarda (ma per favore non farlo) lo sposo non mascheri il nervosismo con battute scontate e minacce di fuga. Quando entra la sposa in chiesa, il padre dovrebbe dare il suo braccio destro (non è così importante ormai).

Durante la cerimonia:
I testimoni stanno subito dietro ai due sposi. Tutti gli altri stanno sulle panche lungo le navate. Quando arriva il momento del “Sì”, gli sposi dovrebbero dirlo con voce udibile e normale.

Uscita:
Infilate le fedi, messe le firme sul registro, gli sposi scendono dall’altare e si avviano, (si spera) con aria lieta verso l’uscita. Dietro di loro, una volta il corteo era preordinato; oggi è preferibilmente estemporaneo. Purché non muggisca la gente, va tutto bene. Davanti alla chiesa esplodono gli auguri, gli abbracci, il riso tirato ecc. Gli sposi diano il via salendo per primi in auto, da soli. Gli altri seguano come capita….