Oggi – almeno in Italia – si decide di ingaggiare un fotografo perlopiù per il matrimonio.

Rispetto ad altre culture, dove il fotografo segue la vita sociale e privata della realtà in cui vive, in Italia il lavoro di fotografo è in crescita.

La Fotografia di matrimonio è solo una porzione della fotografia professionale che si favoleggia nasca circa a metà del XIX secolo, per matrimonio della Regina Vittoria, nel 1840.

Il ritratto della Regina Vittoria nel suo sontuoso abito nuziale, a fianco del neo-sposo Alberto di Sassonia nel giorno delle loro matrimonio è probabilmente una delle prime fotografie di matrimonio della storia.

Richiedere la presenza di un fotografo professionista e fantasticare su quello che sarà il proprio album di matrimonio è sicuramente una tradizione ben radicata anche nel Bel Paese, e forse – oggi – la seconda o terza scelta in ordine di tempo che la sposa si trova ad affrontare.

Un fotografo di matrimonio professionale è sicuramente in grado di assecondare i desideri degli sposi, interpretando al meglio quelli che sono i desideri della coppia e sfruttando al massimo  le potenzialità della location e dell’organizzazione della wedding planner.

Fotografia di matrimonio: tecnica, stili e caratteristiche.

La fotografia di matrimonio è probabilmente il settore – nella fotografia professionale italiana – con la storia più lunga,  ma certamente è là dove si concentrano gli sforzi creativi maggiori, dove la tecnica è rilevante almeno quanto la creatività e la capacità di far sognare chi osserva il racconto fotografico delle nozze.

Certamente ogni fotografo segue la propria strada, ed è questa la ragione di un mercato così ampio: lo stile di ogni fotografo è differente, così come il suo approccio alla fotografia di matrimonio: da rigoroso a giocoso da formale a reportagistico, ogni professionista del settore avrà le sue peculiarità, ed il cliente dovrà essere bravo a capire qual è il fotografo che fa per lui.

Alcune categorizzazioni per la fotografia di matrimonio potrebbero essere:

– il matrimonio formale: il più classico e tradizionale, dove la ritrattistica ha un peso rilevantissimo, ed i soggetti partecipano al lavoro del fotografo con pose studiate per esaltare la bellezza del momento.

– il matrimonio “modaiolo”: una lettura moderna e molto giovanile del ritratto di matrimonio, dove si tenta di conquistare l’attenzione del proprio pubblico sfruttando immagini più simili a quelle di una festa di genere differente dal matrimonio.

– il reportage di matrimonio: forse la pista più battuta da chi si occupa di fotografia di matrimonio oggi. Non più fotografie posate (per le quali gli sposi stessi dovrebbero comunque essere a loro agio, cosa non comune) ma racconto per immagini spontanee, ‘rubate’, della giornata.

Come scegliere il fotografo matrimonio?

Alcuni spunti di riflessione per aiutarvi nella scelta del fotografo di matrimonio giusto per voi, perché organizzare un matrimonio è tutt’altro che semplice.

Lo stile delle foto di matrimonio

Tutti i fotografi professionisti – oggi – hanno una vetrina virtuale, oltre che uno studio o un negozio; sul sito internet di un professionista – per legge – dovrete trovare indicata la partita iva, e questo offre una garanzia circa la serietà della persona che vi troverete di fronte.

Sulla vetrina virtuale, inoltre, potrete osservare con calma le migliori foto di matrimonio realizzate dal fotografo di matrimonio e nel caso di un blog, leggere quelli che sono i suoi pensieri conoscendone lo stile ed il modo di rapportarsi con i propri clienti.

Leggere a fondo immagini e testi vi aiuterà sicuramente a capire se state valutando un professionista che lavorerà in sintonia con voi o se invece non è la scelta giusta.

L’album di nozze:

L’album di nozze moderno è un vero e proprio fotolibro da conservare e sfogliare anno dopo anno. Approfondite con il professionista fotografo quale tipologia di album di nozze propone, chiedere delle garanzie, vedere dei prodotti ed un catalogo di scelte e personalizzazioni vi dovrebbe rassicurare circa l’affidabilità del fornitore e sulla durata del prodotto.

La disponibilità:

Per quanto riguarda la disponibilità per il giorno delle vostre nozze non avrete problemi a trovare quello giusto: Milano, Roma, Napoli e le altre grandi città sono certamente ricche di bravi fotografi. Fare riferimento alle associazioni di fotografi professionisti o alle associazioni di fotografi di matrimonio per avere un’idea di quelli che sono i migliori professionisti di fotografia di matrimonio vicini a voi.

Inoltre, i fotografi matrimonialisti più dinamici sono disponibili a viaggiare in tutta Italia, dal mare alla montagna, dai grandi centri abitati fino alle zone più periferiche.

Non sarà comunque difficile trovare eccellenti fotografo per  matrimoni in Toscana, per chi volesse sposarsi in questa stupenda regione, dal momento che è meta, da oltre dieci anni di un numero sempre maggiore di coppie straniere che scelgono la campagna toscana come location per  il loro matrimonio da favola.

Ultimo, ma non meno importante elemento da considerare è quello economico:

Il costo:

il costo del servizio fotografico di matrimonio sarà variabile da professionista a professionista; le richieste specifiche degli sposi, così come trasferte o servizi aggiuntivi incideranno sul costo complessivo.

Spesso i futuri sposi scelgono il proprio fotografo di matrimonio giudicando in base al prezzo, ma questa potrebbe non essere la migliore delle idee. E’ invece importante capire se il professionista che avete di fronte sarà in grado di mettervi a vostro agio, assistervi e rendere tutto più semplice in una giornata indubbiamente impegnativa.

Cercate di  dare il giusto valore a prezzo e risultato, facendovi spiegare il lavoro che sta dietro le quinte della produzione di un matrimonio.

In conclusione, Prezzi, professionalità, disponibilità e stile sono tutti elementi da considerare per  il miglior fotografo per il vostro matrimonio.

A cura di Sivlia Torresan Fotografia – fotografo vicenza