Ogni nuovo serial d’importazione statunitense trova oramai un pubblico italiano in attesa e preparato ad affezionarsi ai protagonisti che s’incontreranno: varrà anche per Harper’s Island il nuovo telefilm in onda da ieri su Raidue?
Sicuramente da parte della rete l’intento c’è: la serie, infatti, ha trovato un’ottima collocazione che può servire a lanciarla, vale a dire dopo l’amatissima “N.C.I.S”. A differenza di questa però le puntate di “Harper’s Island” saranno solamente tredici: la trama si basa su una serie di omicidi che eliminirà uno ad uno i protagonisti nonché invitati a un matrimonio.
Gli ospiti spariranno dalla scena in modo più o meno truculento e toccherà al telespettatore indovinare chi possa essere la mano che mozza teste, gambe o impicca o brucia: nella puntata di ieri sera la prima vittima era legata alla barca la cui elica una volta messa in moto l’ha ovviamente tranciato, poi c’è stato l’anziano prete, il simpatico zio dello sposo (Harry Hamlin, noto per Avvocati a Los Angeles), Kelly, abitante dell’isola ancora sotto shock per i sei omicidi commessi sette anni prima, e la bella padroncina della cagnetta Gigi.
Filo rosso della narrazione, oltre al ricevimento, è la protagonista Abby Mills (Elaine Cassidy) che si era trasferita in California e che ritorna alla base apposta per il matrimonio tra l’amico Henry (Christopher Gorham) e la ricca Trish Wellington (Katie Cassidy).
Inutile accostare Harper’s Island ad Agata Christie o a pellicole come Scream o Venerdì 13: è un telefilm dignitosissimo, gradevole per la location, la caratterizzazione dei personaggi e la presenza di facce note come quella di Richard Burgi (la famosa Sentinel dell’omonima serie e simpatica canaglia in Desperate Housewives).
Fonte:http://www.clandestinoweb.com