pellegrino.jpg Fiori d’arancio in rosso scaramantico per la napoletana Patrizia Pellegrino. L’attrice convolerà a nozze dopodomani nella chiesetta sconsacrata di Caracalla (complesso Vignola-Mattei). Lo sposo? È Stefano Todini con il quale la bionda partenopea convive già da nove anni. Un passo meditato, dunque, con tanto di promessa «come Dio comanda», benedetta due anni fa a Todi da un sacerdote in trasferta nel relais dello stesso promesso. I particolari delle nozze sono anticipate da «Novella 2000». A sposare la coppia sarà il sindaco di Roma Gianni Alemanno e a portare le fedi agli sposi saranno i tre figli di Patrizia: Gregory (17 anni, adottato), Tommaso (11) e Arianna (10), questi ultimi due nati dal precedente matrimonio con il conte Pietro Antisari Vittori. «Per non tradire il suo personaggio di gattina finto-svampita – scrive Gabriella sassone – (o forse perché a una certa ètà la sposina in total white è out, Patrizia ha deciso di dire di ‘sì’ stretta in un abito lungo, divertente e bicolor: bianco e rosso, firmato dall’atelier Aimée». A fare da pendant cromatico il bouquet di rose scarlatte.
Il ricevimento per 150 invitati si terrà nella sontuosa villa sull’Appia Antica di proprietà della coppia. Cuoco televisivo, Cesare Marretti, direttamente dalla «Prova del cuoco» di Antonella Clerici. Tra gli invitati più glamour Samantha de Grenet, Tosca d’Aquino, Adriana Volpe e che, con ogni probabilità, potrà sfogEla Weber giare il suo nuovo fidanzato, il suo ex bodyguard Andrea Bonacci.
Dopo la festa, Patrizia si concederà solo qualche giorno di viaggio di nozze a Berlino perché la stagione televisiva la vede impegnata nella rubrica di moda di «Mattino in famiglia» su Raidue, quella teatrale nella commedia «La Capannina» (con Pino Ammendola ed Ennio Coltorti, debutto il 20 novembre al Manzoni di Milano), e quella cinematografica la vede produttrice del film di Tinto Brass. Si è vociferato anche di una sua presenza davanti alla cinepresa del maestro dell’erotico all’italiana, ma, precisa «Novella 2000», l’attrice per il momento «giura che si limiterà a produrre la pellicola».

Fonte:http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it