Ogni cosa ha il suo tempo e la sua età: anche il matrimonio deve essere affrontato al momento giusto nella vita di una persona, visto che la convivenza è un’alchimia così difficile per la coppia. Qual è il momento giusto, allora, per dire sì? C’è chi è convinto che ci si debba sposare giovani, magari a 18 anni, chi propende per un’età un po’ più adulta, ad esempio a 25 anni, altri ancora non vogliono parlare fino a 35 suonati: chi ha ragione? Ora ci si mette anche la matematica che stabilisce la formula della perfetta alchimia tra amore e anagrafe.


Si è dedicato a questo lavoro uno studio condotto da un gruppo di studiosi  australiani della Scuola di matematica e statistica dell’University of New South Wales guidati da Anthony Dooley. L’obiettivo non è ozioso come potrebbe parere: si tratta di massimizzare i profitti e minimizzare i costi per garantire lunga vita agli sposi. Innanzi tutto occorre dire che i risultati dello studio sono validi sia per gli uomini che per le donne e prendono in considerazione una lunga serie di parametri in cui hanno un certo peso anche gli elementi individuali, in particolare l’età a partire dalla quale ciascuno comincia a pensare al matrimonio come una possibilità e quella in cui diviene una necessità.

E’ normale quindi che l’età ideale per mettere l’anello al dito possa variare  considerevolmente a seconda dei diversi orientamenti e progetti di vita. Ad esempio, per una persona che comincia a pensare di sposarsi già a 18 anni, ed è convinto che l’età ideale per le nozze sia  a 25 anni sia, l’età perfetta per convolare in realtà è a 20 anni e 6 mesi.  Per chi, invece, comincia a immaginare l’abito nuziale intorno ai 25 anni, per ritrovarsi poi a ritenere indispensabile avere la fede nuziale al dito entro i 35 anni, il momento ideale per fare il grande passo è a 28 anni e 7 mesi, non un mese di più, non uno di meno.

“Probabilmente non è la cosa più romantica su cui basare un matrimonio – spiega Dooley – ma in realtà la formula funziona in moltissimi casi, sia che alla giusta età ci si arrivi per caso, sia che ci si arrivi per progettazione”. Gli esperti, insomma, garantiscono che sposarsi al momento giusto garantisce un matrimonio di lunga e felice durata, a prova di divorzio. Sarà vero? Se siete ancora single non resta che provare: se siete già accasati, prendete il calendario e… fate gli scongiuri.

Fonte: tgcom.it