sposa.jpgPer quanto riguarda i tessuti, invece, bisogna ricordare che non sono da scegliere a caso. Infatti, proprio per la loro consistenza, permettono all’abito di essere perfetto sulla silhouette. Inoltre è indispensabile, nella scelta del tessuto, tenere conto della stagione in cui si celebrerà il matrimonio. In inverno, infatti, è meglio orientarsi su capi in microfibra. In estate si prediligono invece tessuti più leggeri, come cotone e seta. Principalmente i tessuti utilizzati per confezionare un abito da sposa sono:

  • Raso, tessuto un po’ pesante, può essere sintetico o di seta. Rimane leggermente rigido, seguendo le forme dell’abito.
  • Chantilly, è un tipo di pizzo francese particolarmente pregiato, in seta.
  • Georgette o chiffon, tipo di tessuto che può essere sintetico o di seta e che ha la particolarità di essere molto morbido e leggero. Il nome è l’abbreviativo di crepe georgette, dal francese crepe (crespo) e dal nome della sarta Georgette de la Plante che lo ha creato.
  • Taffetas, tessuto di seta rigido, versatile per qualsiasi tipo di abito, bello nelle tinte pastello ha un aspetto vaporoso è adatto quindi a modelli con volants.
  • Organza, tessuto sottile, usato solitamente per le stole o accompagnato da fodere e tessuti più pesanti, che crea movimento e leggerezza all’abito. Ha un effetto leggermente rigido e madreperlato.
  • Macramè, tipo di pizzo eseguito a mano e con disegni a rilievo.
  • Tulle, tessuto a trama larga,rigido e leggero, su cui si applicano ricami e perline per impreziosire gonne ampie o bustini. Il nome deriva da quello della città francese di Tulle, dove è stato prodotto.
  • Piquè , tessuto con piccoli motivi in rilievo, è adatto per una sposa giovane e dall’aria un po’ sbarazzina.

Se invece il giorno della cerimonia farà freddo si può comunque scegliere un abito dalla linea estiva, anche con le spalle scoperte. Sarà sufficiente coprirsi con un grande scialle o una stola, magari di cashmere, oppure utilizzare un piccolo cardigan, con il collo di pelliccia (vera o ecologica, a voi la scelta).

Fonte: